Il Cuore in Siria: grande successo per la serata

Patrocinio:

Comune di Monza

 

Il Cuore in Siria - logo

In collaborazione con:

Zeroconfini Onlus

Il cuore in Siria
Dalla primavera araba all’emergenza umanitaria

27 settembre – Monza, Sporting Club.

Una serata dal respiro internazionale che vede un Paese in guerra da mesi dove le vittime più copiose sono donne e bambini ed è soprattutto per loro che Zeroconfini Onlus ha deciso di contribuire alla sua realizzazione. Una serata finalizzata a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla difficile causa siriana.

Le voci dei relatori:

La conoscenza del dramma siriano è il minimo contributo che ognuno di noi può dare

Bilal Mahtadi – Giovani musulmani d’Italia

La responsabilità delle organizzazioni che ci stimolano a guardar fuori,
a respirare un respiro mondiale, è una responsabilità che ci deve provocare

Cherubina Bertola, vicesindaco e assessore alle Politiche migratorie del Comune di Monza

Perché la Siria ci deve interessare? Perché in Siria si cristallizzano delle questioni fondamentali. Perché la Siria è il cuore pulsante del Levante.
Se cambia la Siria, tutto può cambiare per i Paesi confinanti. Dalla può nascere un modello di cittadinanza

Shady Hamadi

Pace
Pace ai volti che, soli, vanno nella solitudine del deserto
all’oriente vestito d’erba e fuoco
Pace alla terra lavata dal mare
al tuo amore, pace.

Pace per un popolo che ha una storia antica e per una terra che ha una civilta’ antichissima. Fu la Siria a inventare il nostro alfabeto e fu la Siria a creare la parola Europa; spero che l’Europa si ricordi di questo e freni l’America. La guerra e’ un non senso; bisogna dare spazio al dialogo; l’uomo deve parlare e non uccidere.

Finchè ci sarà l’amore ci sarà la poesia e finche ci sarà la poesia ci sarà voglia di pace.

Adonis

(grande poeta siriano ADONIS, candidato al Nobel e vincitore quest’anno del premio internazionale “Capri Arwards”, che in passato è stato attribuito ai più importanti poeti del mondo).


Condividi Zeroconfini
Facebookmail
Pubblicato in Cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.